Scoperto un tesoretto medievale nell’antica abbazia di Cluny

Un team di archeologi francesi ha scoperto un importante tesoro medievale nei pressi dell’abbazia di Cluny, nel dipartimento di Saône-et-Loire. La squadra – composta da alcuni studenti della Université Lumière Lyon capitanati dall’archeologa Anne Baud – stava eseguendo degli scavi vicino alle fondamenta dell’antica infermeria dell’abbazia quando ha ritrovato quello che a prima vista sembrava un semplice involucro di stracci. Al suo interno erano custoditi 2.200 tra monete e oboli d’argento, 21 denari islamici d’oro, un anello dorato con sigillo e altri oggetti preziosi.   Lo studio sulle monete ha…

Share Button
Read More

Necropoli merovingia con cavalli, guerrieri e sepolture anomale in Germania

Una spada, una lancia e gioielli di cristallo e di bronzo sono alcune delle scoperte fatte in un cimitero medievale a Theißen, frazione del comune di Zeitz, in Germania. Nelle 15 tombe di epoca merovingia, gli archeologi hanno portato alla luce i resti di cavalli, guerrieri, e soprattutto di una giovane donna trafitta al petto da una barra di ferro. Il cimitero è stato datato a circa 1400 anni fa. Meroveo, re semi-leggendario dei Franchi, fondò la dinastia merovingia, una famiglia di lignaggio germanico che regnò l’attuale Francia e parte della…

Share Button
Read More

Chiese paleocristiane in Eritrea nel IV secolo: una mostra a Varese

I reperti arrivano dall’antico porto di Adulis, scomparso nel VII secolo sotto il fango. Quasi una Pompei africana che oggi restituisce preziose testimonianze. Esposti a novembre al Museo Castiglioni Nel Corno d’Africa il cristianesimo si diffuse molto presto, consolidandosi dopo l’editto di Costantino che, nel 313 d.C., rese libera la professione della fede. Una missione italo-eritrea ha trovato i resti di due chiese paleocristiane, risalenti appunto alla seconda metà del IV secolo. La scoperta che ha suscitato interesse anche del Pontificio istituto di Archeologia Cristiana che si è unito al…

Share Button
Read More

Scoperta a Bratislava preziosissima necropoli degli Avari durante gli scavi per la tangenziale

La costruzione della tangenziale di Bratislava, composta dalle autostrade D4 e R7 che nel 2020 circonderanno le aree a est e sud della capitale, ha portato alla scoperta di una necropoli con oltre 460 tombe nel quartiere Podunajské Biskupice, a nord-est della città. Il sito è stato datato alla fine dell’ottavo secolo, durante il periodo del dominio degli Avari nel bacino trans-danubiano. Nelle tombe sono stati trovati anche oggetti preziosi e monete. Si tratta di una delle scoperte archeologiche più significative degli ultimi ottanta anni in Slovacchia, e senz’altro –…

Share Button
Read More

La tomba di un Vichingo di alto rango in Scozia

Circa 1.000 anni fa, i Vichinghi scavarono una tomba per “un guerriero di alto rango” e lo seppellirono in una barca piena di offerte funerarie, tra cui una grossa spada e un’ascia. Il guerriero vichingo venne sepolto nella Swordle Bay, in Scozia, lontano dal suo paese d’origine in Scandinavia. Gli stessi manufatti trovati nella sua tomba provenivano da diversi paesi: Scandinavia, Scozia e Irlanda. Un nuovo studio su questo raro ritrovamento ha potuto dare un’idea di come vivessero gli abitanti della Scozia occidentale nel X secolo. «Le scoperte suggeriscono un…

Share Button
Read More

Scoperto un tesoro di 600 kg di monete del IV secolo

Pesano tra gli otto e i dieci grammi, se ne contano decine di migliaia ed erano contenute in 19 anfore. Fatte di bronzo, sono coperte di terra, polvere e storia. Delle opere di canalizzazione nel comune di Tomares, in Spagna, hanno portato alla luce 600 chilogrammi di monete romane coniate dal II al IV secolo d.C. «Si tratta di una scoperta che possiamo già qualificare di enorme importanza. È un ritrovamento unico con pochissimi casi analoghi. Certamente, nella storia dell’impero romano e del basso impero romano in Spagna, non conosciamo…

Share Button
Read More

Sulle strade della Padova medievale con APPadova per iPad e iPhone

APPadova è l’applicazione per bambini, turisti e per tutti i padovani che guida alla scoperta della Padova medievale e contemporanea, con una grafica cartoon e tanti contenuti di qualità. Gratis per iPhone e iPad. Un misterioso viaggiatore accompagna gli utenti sulle strade della Padova medievale e di quella moderna, alla scoperta delle leggende e delle storie che la città, i suoi palazzi e le sue vie hanno da raccontare ai suoi visitatori. Questa è l’esperienza che offre APPadova, un’app per iPad e iPhone pensata per i bambini, per i turisti,…

Share Button
Read More

XXVI Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico, Rovereto

E’ in programma dal 6 al 10 ottobre 2015 la XXVI edizione della Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico di Rovereto (TN). Le proiezioni si svolgeranno all’Auditorium del Polo Culturale e Museale “F. Melotti”, alla Sala conferenze del Museo MART, all’ Aula Magna del Palazzo dell’Istruzione, alla Sala Convegni “Fortunato Zeni” della Fondazione Museo Civico di Rovereto. Tanti i film italiani in concorso per la XII edizione del Premio “Paolo Orsi”: “Alla Scoperta di Verona Sotterranea. Il Sito Archeologico di Corte Sgarzerie” di Davide Borra, “Arti e Mestieri, Uomini al Lavoro a Pompei” di…

Share Button
Read More

Archeosharing: le storie di tutti

Archeosharing: le storie di tutti Una rete di partership tra archeologi per creare best practices di intagrazione, valorizzando il background culturale tra residenti italiani e stranieri   Il progetto I Beni Culturali di un Paese, interpretati e narrati, sono possibili strumenti di inclusione sociale. Si intende favorire la conoscenza e lo scambio tra i cittadini (residenti italiani e stranieri), per istituire processi di accoglienza e integrazione sociale valorizzando il background culturale di ciascuno e aiutando la definizione armonica di nuove identità, attraverso il racconto e la comunicazione partecipata della storia…

Share Button
Read More

Reykjavík, rinvenuta una delle più grandi longhouse vichinghe in Islanda

Gli archeologi che lavorano in un ex parcheggio di via Lækjargata nel centro di Reykjavík hanno scoperto quelle che credono essere le rovine della residenza di un capo vichingo. La scoperta ha modificato radicalmente la visione che abbiamo della Reykjavík vichinga. La scoperta è stata una sorpresa quando gli archeologi hanno iniziato a scavare il sito non si aspettavano di trovare un’abitazione di epoca vichinga. Lisbet Guðmundsdóttir, una archeologa presso l’Istituto di Archeologia, che sta lavorando al sito, dichiara al giornale locale Morgunblaðið che la squadra non si aspettava di trovare qualcosa di più antico di una fattoria…

Share Button
Read More