Monumenti scomparsi: tra scavo d’archivio e scavo archeologico

Lunedì 16 maggio, alle ore 17,00 presso l’Archivio Storico del Comune di Sassari, nell’ambito della mostra Oltre il Castello di Sassari.

Monumenti scomparsi: tra scavo d’archivio e scavo archeologico (secoli XIX-XX), si terrà la conferenza di presentazione del progetto Opere di demolizione nel centro storico di Sassari (secoli XIX-XX). Censimento e mappatura delle evidenze sotterranee.

Il progetto di ricerca, condotto dall’archeologa Florinda Corrias sulla documentazione dell’Archivio Storico Comunale sotto la direzione scientifica del direttore Paolo Cau e il coordinamento di Daniela Rovina, della sede di Sassari della Soprintendenza Archeologia Sardegna, ha per oggetto il censimento e la mappatura degli immobili ubicati all’interno delle mura della città antica e delle loro pertinenze sotterranee, che furono oggetto di demolizione fra la seconda metà dell’Ottocento e gli anni in cui trovò parziale realizzazione il progetto di risanamento del centro storico previsto nel cosiddetto “Piano Petrucci” (1938-1941).
La ricerca riporta alla luce le opere demolite del centro storico cittadino, con una dettagliata ricostruzione grafica delle loro evidenze sotterranee. I risultati ottenuti offrono una chiara visione dell’evoluzione edilizia della città vecchia in un periodo di particolare fermento e sviluppo urbanistico: un arco di tempo in cui si attuarono i piani di abbellimento e risanamento igienico – sanitario, per i quali si demolirono alcuni isolati con conventi e chiese, tratti delle mura medievali e delle loro torri.
Aprirà i lavori il Sindaco Nicola Sanna; interverranno, dopo l’esposizione del progetto da parte dei promotori, la Dott.ssa Maura Picciau, Soprintendente Beni Ambientali e Paesaggio delle provincie di Sassari, Olbia – Tempio e il Prof. Marco Milanese, Direttore del Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione, Università degli Studi di Sassari. Concluderà Raffaella Sau, Assessora alle Politiche per lo sviluppo locale, cultura e turismo.

Share Button

Lascia un commento