III Incontro per l’Archeologia barbarica – Migrazioni, Clan, Culture – Archeologia e scienza

DIPARTIMENTO DI STORIA, ARCHEOLOGIA E STORIA DELL’ARTE
SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN BENI ARCHEOLOGICI

MIGRAZIONI, CLAN, CULTURE
Archeologia e scienza

Giornata di studi

 

III Incontro per l’Archeologia barbarica
Venerdì 18 maggio 2018 Aula Pio XI, ore 9.30
Largo A. Gemelli, 1 – Milano

Le migrazioni dei popoli barbarici, la natura e la formazione di queste gentes, l’esistenza di una specifica identità culturale e l’interazione con il popolamento locale sono temi fra i più controversi e dibattuti della storia medievale europea.

La terza edizione degli Incontri per l’Archeologia barbarica presenta i primi risultati di analisi paleogenetiche e isotopi- che condotte su necropoli attribuite ai Longobardi di Repub- blica Ceca, Ungheria e Italia.

Un progetto di ricerca internazionale coordinato dal prof. Pa- trick J. Geary (Institute for Advanced Study, Princeton, U.S.A.) coinvolge da anni archeologi, storici, antropologi e genetisti europei e statunitensi, al fine di indagare contesti funerari di Rep. Ceca, Austria, Ungheria e Italia. Si incentra su studi paleogenetici, integrati da analisi degli isotopi stabili per la determinazione della mobilità e della dieta e dai dati arche- ologici e antropologici, in un serrato dialogo interdisciplinare. Verranno inoltre presentati altri progetti di ricerca multidisci- plinare comprendenti analisi isotopiche su contesti di Rep. Ceca, Ungheria e Italia, al fine di ricomporre l’insieme dei dati attualmente disponibili.

Sorprendenti sono i risultati, che permettono di supportare il percorso migratorio da regioni centro-nord europee all’Italia attribuito dai testi scritti ai Longobardi; emerge con forza l’im- portanza delle relazioni biologiche nella struttura sociale di queste comunità, composte da due principali gruppi gene- tici, ai quali corrisponde una specificità culturale; si suppone anche mobilità femminile per esogamia. Nuovi importanti dati per una rilettura di vecchi temi.

In occasione del III Incontro per l’Archeologia barbarica saran- no disponibili gli atti del II Incontro “Città e campagna. Culture, insediamenti, economia (secc. VI-IX)”, tenutosi nel 2017.

PROGRAMMA

Saluti
Giuseppe ZECCHINI, Direttore del Dipartimento di Storia, Archeologia e Storia dell’Arte
Marco SANNAZARO, Direttore della Scuola di Specializzazione in Beni archeologici
Fabio PAGANO, MiBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

Analisi paleogenetiche e isotopiche sui Longobardi: temi e contesti
Caterina GIOSTRA, Università Cattolica del Sacro Cuore

LA PALEOGENETICA: MIGRAZIONE E STRUTTURA SOCIALE

Le analisi del DNA mitocondriale e nucleare antico: potenzialità e limiti
David CARAMELLI, Università degli Studi di Firenze

Il progetto di ricerca internazionale “Tracing Longobard Migration through DNA Analysis”: il DNA nucleare
Patrick J. GEARY, Institute for Advanced Study, Princeton

For a genetic comparison: cemeteries of three 5th century communities in Pannonia
Tivadar VIDA, Eotvos Loránd University, BudapestIstván KONCZ, Eotvos Loránd University, Budapest

Il progetto di ricerca internazionale “Tracing Longobard Migration through DNA Analysis”: il DNA mitocondriale
Silvia GHIROTTO, Università degli Studi di Ferrara

LE ANALISI DEGLI ISOTOPI STABILI: MOBILITÀ E ALIMENTAZIONE

Analisi isotopiche in archeologia: mobilità e alimentazione
Mary Anne TAFURI, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”

Diet, mobility and inherited status at Collegno
Susanne HAKENBECK, University of Cambridge

Human mobility in the Longobard period: Isotope evidence from cemeteries in the Czech Republic
Daniel WINGER, Universität Rostock
Corina KNIPPER, Curt Engelhorn Center for Archaeometry, Mannheim

Mobility and Population Transformation in the Carpathian Basin from the 5th to the 7th Century: Changing Societies and Identities
Tivadar VIDA, Eotvos Loránd University, Budapest
Corina KNIPPER, Curt Engelhorn Center for Archaeometry,Mannheim

Pattern di mobilità dalla necropoli di Povegliano Veronese: prime analisi isotopiche
Ileana MICARELLI, Guendalina FRANCISCI, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”

Ne discutono archeologi, storici, antropologi e genetisti. La discussione avrà la traduzione simultanea.

Scarica il programma

Share Button

Lascia un commento